Il Packaging compostabile sempre più apprezzato dai consumatori

Il Packaging compostabile sempre più apprezzato dai consumatori

Gli imballaggi in cartone compostabile stanno per entrare sugli scaffali dei nostri supermercati, anche nei reparti dei prodotti freschi come frutta e verdura e stanno ottenendo sempre maggior attenzione e favore da parte dei produttori alimentari, cosmetici, farmaceutici e dei consumatori. Il Pack in cartone compostabile è infatti igienico, sicuro, naturale e riciclabile al 100% e in grado di rendere il prodotto più attrattivo grazie anche ai valori positivi che esso veicola.

Per questo i nostri vassoi e astucci in cartone sono ecologici, perché compostabili e possono essere smaltiti nell’umido senza creare problemi all’ambiente.

La carta, infatti, subisce un trattamento speciale attraverso il quale il pack può andare a stretto contatto con l’alimento fresco non contaminandolo e senza che sia presente un film. Ma soprattutto il pack a contatto diretto/primario con l’alimento è smaltibile in maniera differenziata. 

Contattaci per una consulenza gratuita sul packaging sostenibile!

Ma cosa significa compostabile?

La Comunità Europea nella direttiva sul packaging 94\62 fa riferimento allo standard EN13432 come prova della compostabilità di un prodotto.

I materiali o i prodotti finiti che fanno riferimento a questo standard devono avere delle caratteristiche molto particolari:

– non devono danneggiare il processo di compostaggio, devono comportarsi come una “foglia di lattuga”

– devono favorire un’alta qualità del compost

– devono garantire un’applicazione sicura del compost.

Per essere definito COMPOSTABILE un prodotto deve trasformarsi in compost nei tempi fissati dal compostaggio industriale i cui requisiti sono elencati nella direttiva EN13432.

L’aspetto tempo e il grado di disintegrazione sono rilevanti per l’impianto di compostaggio poichè influiscono sulla qualità del prodotto finito (compost).

La principale differenza tra i due termini sta quindi essenzialmente nei tempi della degradazione e nei residui alla fine del compostaggio industriale. Per fare un esempio, pur essendo biodegradabile, un albero non è compostabile mentre lo sono i suoi rami.

Nonostante questa distinzione molto precisa, spesso il termine biodegradabile viene utilizzato come sinonimo di compostabile (le plastiche verdi vengono infatti chiamate BIOPLASTICHE,  sono Biodegradabili ma non Compostabili)

Infine possiamo certamente affermare che per l’acquisto di generi alimentari e non solo  i consumatori europei preferiscono il cartone.

È quanto emerge da un sondaggio condotto da YouGov, società inglese che si occupa di ricerca di mercato su Internet internazionale, che ha effettuato un test in sette Paesi europei (Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia e Spagna) per sondare il livello di gradimento nei confronti del packaging per alimenti e vedere come esso possa influire sulle scelte di acquisto.

Un’ulteriore prova di quanto gli imballaggi in cartone siano il packaging che maggiormente rispecchia le esigenze dei consumatori.